Infanzia di Noviglio: progetto accoglienza 2019/2020

 

Copertina libro primo giorno di scuola nella forestaIl 5 settembre 2019, presso la scuola dell’infanzia di Noviglio è iniziato il progetto accoglienza:” Pronti, inizia una nuova avventura". Per accogliere i bambini, le insegnanti hanno scelto la storia: "Primo giorno di scuola nella foresta"

La storia parla di tre cuccioli, ognuno teme il giudizio degli altri a causa delle proprie peculiarità, chi è un po' ingombrante, chi non ha un colore tutto suo, chi ha paura perché non conosce nessuno, chi è troppo alto. Il primo giorno di scuola i cuccioli si confrontano sulle loro diversità. Questa storia ha aiutato i bambini a superare le difficoltà inizali...Perchè una storia riesca realmente a catturare l’attenzione del bambino, deve divertirlo e suscitare la sua curiosità.  Per poter arricchirne la vita, deve stimolare la sua immaginazione, aiutarlo a sviluppare il suo intelletto e chiarire le sue emozioni, armonizzarsi con le sue ansie e aspirazioni, riconoscere a pieno le sue difficoltà, e nel contempo suggerire soluzioni ai problemi che lo turbano.

La scuola dell’infanzia accoglie e interpreta la complessità dell’esperienza vitale dei bambini e ne tiene conto nella sua progettualità educativa. L’ingresso dei bambini in un ambiente nuovo è un momento di crescita che segna il passaggio a una vita autonoma dalla famiglia, ma è anche un momento difficile e delicato per le implicazioni emotive ed affettive legate al distacco e per lo smarrimento che può provocare un contesto sconosciuto; questo momento deve pertanto essere vissuto con serenità anche dalla famiglia per trasmettere al bambino la necessaria fiducia per affrontare questo delicato distacco. Le insegnanti delle scuole dell’infanzia del circolo, basandosi sull’esperienza valutata negli anni, sono convinte che per realizzare un inserimento positivo e tranquillo nel segno del benessere e della continuità, la scuola debba favorire una “accoglienza” graduale rispettosa dei bambini, delle loro emozioni, dei loro bisogni, di quelli della famiglia e delle insegnanti.

Obiettivo

Vivere bene l’esperienza scolastica per i nuovi iscritti e il ritorno per tutti gli altri favorendo: - un graduale ambientamento - la conoscenza delle persone presenti nell’ambiente scolastico - la conoscenza degli ambienti - l’adattamento ai ritmi scolastici

Durata: il progetto avrà una durata di circa un mese

Modalità operative

  • Predisposizione di un ambiente accogliente, gradevole, colorato, allegro, che incuriosisca, coinvolga e invogli ognuno alla scoperta dei diversi spazi e che sia funzionale nella disposizione dei giochi. Gli spazi devono essere aperti, modificabili ma anche ordinati, facilmente individuabili, perché possano essere vissuti dai bambini in libertà e sicurezza.
  • Osservazione sistematica e occasionale dei comportamenti dei bambini.
  • Collaborazione con i genitori tramite un continuo dialogo aperto e fiducioso.

Tempi e modalità

Flessibilità di orario per i nuovi iscritti (2/3 ore di permanenza all’inizio) secondo i bisogni dei singoli bambini fino ad arrivare gradualmente all’orario completo ad inserimento avvenuto. I bambini che hanno già frequentato possono usufruire da subito dell’orario di funzionamento previsto. Le insegnanti, durante le prime due settimane dedicate all’inserimento dei nuovi iscritti, osserveranno una variazione di orario che prevede più compresenza per offrire maggior disponibilità di tempo e di attenzione.

Orario di funzionamento

   Prima settimana: ingresso ore 9:15 e uscita ore 11:15;

   seconda settimana: ingresso dalle ore 8:00 alle ore 9:00; uscita dalle ore 12:45 alle ore 13:00;

   (in seguito l’orario sarà da concordare con le insegnanti di sezione).

Ingresso dalle 8:00 alle ore 9:00; uscita dalle 15:45 alle ore 16:00.

                                                               A cura di Concetta Cammisuli

In allegato una presentazione del progetto.

Allegati:

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.